Sito amatoriale dedicato al Subbuteo

in Italiano

in English

Home

La storia Figure Squadre Accessori Regole Genoa Wanted

Links

Torna alla

pagina

iniziale

Breve storia

del gioco del

Subbuteo

Tutti i tipi

di figure

realizzate

Maglie delle

squadre HW Classic

La lista degli

accessori

fino al 1981

Le regole

ufficiali del

Subbuteo

Il Genoa e

tutte le altre

mie squadre

Squadre ed altro che

sto cercando

Il migliori

siti sul calcio

da tavolo

La storia

Breve storia del Subbuteo dal 1947 fino agli ultimi avvenimenti.
Le date e gli eventi descritti possono contenere degli errori.
Se trovate inesattezze ed imprecisioni non esitate a scrivermi.

 

   

Per saperne di più:

 

 - Peter-Upton (UK)

- j.shelley (UK)

- Subbuteo365 (UK)

 

(link diretti)

 
  
 

Nel 1947 contrastando un gioco ideato da W. Keeling nei primi anni '20 chiamato "New Footy" l'inglese P. Adolph inventò il Subbuteo. Nelle fabbriche di Tunbridge Wells, nel Kent inglese, vennero realizzati i primi set da gioco che inizialmente comprendevano due squadre formate da una figura di cartone piatta (solo dopo pochi anni il cartone venne rimpiazzato da una più robusta plastica) montata su una una base mezza-sferica, una palla di plastica e delle porte di metallo con una " rete" di cartone. Il campo non era incluso e si suggeriva di prendere una vecchia coperta verde e disegnarci sopra delle righe bianche. Non potendo per problemi commerciali usare "The Hobby", per dare un nome a questo nuovo gioco scelse "Subbuteo", suggerito dall'omonimo falco lodolaio (che viene rappresentato anche nel logo ufficiale) la cui caratteristica è la capacità di colpire l'obiettivo in modo preciso e veloce.

 

Nel 1960 ci fu un sensibile miglioramento del materiale disponibile e di fatto decretò il Subbuteo quale vincitore della sfida con il "New Fotty" che mestamente terminò la sua produzione. Le vecchie squadre piatte furono infatti sostituite da una nuova figura tridimensionale di plastica. Queste nuove squadre, dipinte a mano ed evidentemente molto più realistiche rispetto alle precedenti vennero prodotte fino al 1969 (nel frattempo la Weddinghtons aveva comprato nel 1968 il brevetto da P. Adolph) ed i team disponibili arrivarono a circa 350. Contemporaneamente vennero prodotti anche una serie di accessori che resero il gioco ancora più affascinante e completo. Dopo varie modifiche alle figure dei giocatori e la creazioni di altri nuovi accessori il gioco divenne in Inghilterra ed in tutta Europa, con particolare riferimento all'Italia, molto popolare. In molti paesi iniziarono a formarsi federazioni e club e furono organizzati tornei nazionali ed internazionali. Il Subbuteo era una splendida realtà. Nella sua massima espansione si poterono contare più di 800 squadre prodotte. 

 

Il grande successo durò fino alla seconda metà degli anni '80, quando l'avvento dei giochi elettronici e dei primi personal computer diedero una decisa spallata al Subbuteo che si trovò così a competere con le nuove tecnologie. Tuttavia nel 1996 il colosso americano Hasbro acquistò i diritti per la produzione del Subbuteo dalla Weddingthons e ne apportò alcune modifiche, anche di tipo commerciale. E' infatti del 1997 la decisione di non confermare alla ditta Parodi la distribuzione in Italia. Fu un brutto colpo per la la ditta italiana con sede a Genova, che negli anni '70 era stata determinante nello sviluppo del Subbuteo nel paese anche grazie ad una propria e personalizzata produzione di alcune squadre italiane e nazionali. Non potendo quindi utilizzare più il famoso marchio iniziò la produzione del "Zeugo". Questo gioco il cui nome nel dialetto genovese significa "gioco", fu composto da figure del tutto simile a quelle degli anni '70 (il periodo di maggior popolarità del Subbuteo in Italia) con la colorazione delle maglie "old style" e squadre "a barretta", termine nostrano per definire le Heavyweight. Nella città dove era nato il calcio in Italia (con il Genoa nel 1893) stava rinascendo il Subbuteo, anche se sotto un altro nome.


Nel frattempo però, all'inizio del 2000, la Hasbro, vista la difficoltà oggettiva del Subbuteo a stare al passo con i nuovi giochi elettronici, annunciò la fine della produzione. Lo choc per la notizia fu molto forte e provocò la mobilitazione soprattutto nella madre patria di tanti appassionati inglesi che con  proteste e manifestazioni sempre ovviamente civili e composte indussero la Hasbro a rivedere tale decisione. Verso la fine del 2000, anche se con una serie limitata di set ed accessori la compagnia americana riprese la lavorazione. Improvvisamente nel 2002 tornò alla ribalta la ditta Parodi. Dalla Hasbro ottenne la licenza per la produzione del marchio "Subbuteo" ed iniziò una fabbricazione che per circa due anni, con i prodotti "congelati" solo qualche anno prima (il marchio Zeugo con le sue figure e squadre terminò e riniziò solo nel 2004 continuando tutt'ora la sua produzione) portò ad una nuova vita questo splendido gioco. Peccato che nel dicembre del 2003 anche questa licenza fu revocata e la Parodi cessò definitivamente ogni produzione.

 

Ma neanche stavolta la parola fine fu scritta. Alla fine del 2004 ecco la notizia che il nostro calcio da tavolo riprende ancora una volta il suo posto negli scaffali dei negozi. Con delle nuove figure che ricordano quelle primordiali del 1950 ed una serie limitata di accessori il Subbuteo rientra prepotentemente in produzione. Le squadre sono in totale 9 (tra le più importanti del panorama calcistico europeo, pur con qualche dimenticanza illustre) e le figure sono composte da anime di cartone plastificato (da montare sulle solite base semi-sferiche) dove sono raffigurati, mediante fotografia, i più importanti giocatori che delle formazioni delle squadre prodotte. E' chiara la dimostrazione come il business sia entrato anche qui; un bel calcio alla magia ed alla fantasia del vecchio Subbuteo, ed ai tifosi di migliaia di squadre...


Questa volta però le nuove tecnologie ci vengono in aiuto. Oggi grazie ad 
internet il vecchio e nostalgico subbuteista può rivivere la sua passione navigando attraverso il mare dei moltissimi siti dedicati, magari trovando o ritrovando amici per tornei e combattute partite o magari cercando di completare quella vecchia collezione che tanto l'ha fatto entusiasmare e dannare. Ma anche il giovane può facilmente appassionarsi a questo gioco. Mettendo da parte le moderne console può scoprire la bellezza di questo gioco e rendersi conto di quante organizzazioni e club nel mondo esistono ancora e quanti tornei vengono organizzati.

 

 
  

Homepage      Tornei      SubbuteoPeople      Contatti

 

Torna all'inizio della pagina